lunedì 7 marzo
Compagnia Alchemico Tre

In trincea

autore e regia Michele Di Giacomo – con Michele Di Giacomo, Federico Mafredi, Umberto Terruso – assistente alla regia e drammaturguia Lorenzo Garozzo – luci Fabio Bozzetta – scene e costumi Roberta Cocchi – suoni e musiche Isaac De Martin – foto di scena Luciano Paselli – tecnico Riccardo Canali – produzione Alchemico Tre – si ringrazia per la collaborazione ERT “Emilia Romagna Teatro Fondazione” – in collaborazione con Museo Della Guerra Bianca Temù

Prima nazionale

10 giugno 1917, Altopiano di Asiago. Dopo un feroce assalto alle truppe austriache, Melo il siciliano, Tonino il vicentino e Francesco il bolognese si ritrovano in una trincea abbandonata. Niente dietro di loro e niente davanti a loro ma nella Grande Guerra nel niente si può nascondere un fucile puntato, nel niente si può nascondere il Nemico. I due soldati semplici, assieme al Tenente Francesco Baldacci, isolati, senza viveri e comunicazioni sono costretti ad aspettare. In quella lunga attesa i tre giovani imparano a conoscersi, a capirsi al di là dei dialetti, delle differenze sociali e dei diversi credi politici. In quello stretto lembo di terra ricordano gli affetti lasciati a casa, si scontrano e ripercorrono l’esperienze che li hanno portati dalle loro case a quel corridoio di fango. Un’attesa che si fa eterna, in cui il tempo sembra sospendersi e realtà e sogno si mescolano; così in quello spazio irreale, in una notte che sembra non finire mai, le ragioni della guerra e il concetto di Patria e di Coraggio perdono senso e si fanno confusi e prevale il senso di solidarietà, amicizia, e conforto. Melo, Tonino e Francesco da soldati si scoprono uomini.

TONINO: “Ho passato mesi a odiare tutti. A odiarvi per come ci trattavate, per come ci guardavate e mentre la rabbia mi mangiava dentro e mi avvelenava l’anima, la vita mi scorreva tra le mani. Mona, mona che non sei altro Tonino. Ho chiuso gli occhi, stretto i denti, abbassato la testa a bestemmiare il presente, senza vedere che davanti a me c’era un futuro. Mona! Francesco. Cos’è che ti fa andare avanti? Che ti fa volere restare in vita?”

Teatro Leonardo
lunedì 7 marzo ore 10:30
età consigliata: 12-19 anni
Durata: 85′
Biglietti studenti matinée: Intero 10€

X