Compagnia Corrado d’Elia

Io, Vincent Van Gogh

testo, progetto e regia di Corrado d’Elia – con Corrado d’Elia – scenografia Chiara Salvucci – produzione Compagnia Corrado d’Elia

Prima nazionale

La normalità è una strada lastricata.
E’ comoda per camminare, ma non vi cresce nessun fiore.
Vincent Van Gogh

Prima sogno i miei dipinti, poi dipingo i miei sogni.
Vincent Van Gogh

Van Gogh è l’artista più amato e più incompreso di sempre.
Quello che gronda anima oltre che colore.
L’artista puro, il genio, quello che più di altri ha fatto della sua pittura una necessità.
A partire dallo straordinario patrimonio di pensieri che sono le lettere di Van Gogh al fratello Theo, ecco dunque un nuovo album a firma Corrado d’Elia.
In un autentico flusso emotivo, come a tratteggiare un nuovo dipinto che piano piano si compone, ecco l’artista e la sua vita, le sue emozioni, gli anni di Parigi, il manicomio, i rapporti col padre, l’amicizia travagliata con l’artista Gauguin e in ultimo il grande mistero che ancora avvolge la sua morte.
Non ci importa sapere se davvero Van Gogh fosse pazzo.
I suoi quadri e i suoi disegni ci trasmettono continuamente emozioni, insieme alla potenza che esprime il suo tratto e il suo colore.
Non sono occhi perduti quelli che vediamo nei suoi tanti autoritratti quindi, ma la più grande, incompresa umanità. E’ sempre il cuore quello che ci colpisce. Ed è questo che andremo a raccontare.
“Non posso cambiare il fatto che i miei quadri non vendono. Ma verrà il giorno in cui la gente riconoscerà che valgono più del valore dei colori usati nel quadro.”

Teatro Leonardo
mercoledì 15 maggio  ore 10:30
Età consigliata: 14-19 anni
Durata: 1 ora
Biglietti studenti matinée: Intero 10€

X