febbraio, 2023

09febTutto il giorno12Oblomov Show  Rassegna:Stagione teatraleDove:Teatro Litta

Dettagli

ideazione e regia Stefano Cordella – con Martina De Santis, Francesca Gemma, Francesco Meola, Dario Merlini, Umberto Terruso – scrittura scenica collettiva – testo Dario Merlini – aiuto regia Noemi Radice – scene e costumi Stefano Zullo – sound design e musiche originali Gianluca Agostini – disegno luci Martino Minzoni – organizzazione Carolina Pedrizzetti, Irene Romagnoli – con il sostegno di Centro di Residenza della Toscana (Armunia – CapoTrave / Kilowatt) – produzione Oyes/La Corte Ospitale

Il lavoro è ispirato a Oblomov di Ivan Goncarov, uno dei più importanti romanzi russi di fine Ottocento. L’intuizione di Goncarov è quella di portare alle estreme conseguenze una condizione esistenziale che risuona più che mai nel nostro contemporaneo, tanto che alcuni critici letterari hanno definito il romanzo “un inno all’apatia”. Il protagonista Oblomov, l’antieroe per eccellenza, nelle prime cento pagine del romanzo non si alza neanche dal letto, cercando ogni scusa possibile per rimandare la vita al giorno successivo. Nella riscrittura di Oyes, Oblomov è un uomo vicino ai quarant’anni con brillanti trascorsi artistici. Dopo alcune delusioni lavorative e sentimentali ha però scelto di isolarsi nella vecchia casa di famiglia con il fratello Zachar, lontano da colleghi, passioni e da qualunque tipo di ambizione. A loro si aggiunge Agafia, una conoscenza estiva di Zachar che da un giorno all’altro invade la casa di Oblomov, creando i primi disequilibri nella quotidianità dei due fratelli. Ma è solo grazie al ritorno dell’amico d’infanzia Stolz che Oblomov ricomincerà a confrontarsi con il mondo fuori. Sarà proprio Stolz a presentargli Olga, la donna di cui Oblomov si innamora follemente. Riuscirà a ricostruirsi una vita felice insieme a Olga? O la paura di fallire lo riporterà nell’apatia del suo divano? La pandemia ha obbligato la maggior parte della popolazione a rivedere le proprie abitudini modificando profondamente la qualità dei rapporti sociali e le possibilità di incontro. In questa riscrittura contemporanea, Oyes si muove sul delicato confine tra dimensione mentale e vita reale, provando a raccontare in chiave tragicomica la fatica di ricominciare, la paura di rimettersi in gioco.


Teatro Litta
giovedì/sabato ore 20.30 – domenica ore 16.30

durata: 95 minuti

intero € 25,00 – convenzioni € 20,00 – ridotto arcobaleno (per chi porta in cassa un oggetto arcobaleno) € 20,00 – under 30 e over 65 € 15,00 – ridotto bicicletta € 15,00 -scuole di teatro e università € 15,00 – ridotto DVA € 12,50 – scuole di teatro MTM, Paolo Grassi, Piccolo Teatro € 10,00 – tagliando Esselunga di colore ROSSO – diritti di prevendita € 1,80

info e prenotazioni biglietteria@mtmteatro.it – 0286454545
scarica l’app di MTM Teatro e acquista con un clic

Date

febbraio 9 (Giovedì) - 12 (Domenica)

Dove

Teatro Litta

corso Magenta 24

 
X