dicembre, 2017

03dic16:3016:30Il colore rosadi Aline Nari - nell'ambito del focus 'Eterodossie Porcaresi. Danze fuori moda'Teatro Litta, corso Magenta 24Event Type :Stagione 17-18

Dettagli

IL COLORE ROSA

ideazione, coreografia, regia di Aline Nari – interpreti Gabriele Capilli, Davide Frangioni, Aline Nari, Giselda Ranieri – voce recitante Graziella Martinoli- testi originali Daniela Carucci – musiche 2Cellos, V. Corvino, A. Fontana, F. J. Haydn, A. Vivaldi – elaborazioni sonore Adriano Fontana – musiche originali Valentino Corvino – luci Michelangelo Campanale – costumi Aline Nari, Alessandra Podestà – produzione ALDES, in collaborazione con Ubidanza – con il sostegno di Mibact-Ministero per i beni e le attività culturali del turismo / Direzione Generale per lo spettacolo dal vivo Regione Toscana/Sistema Regionale dello Spettacolo – un ringraziamento a Davide Frangioni, Guendalina Di Marco

Il colore rosa è uno spettacolo di danza-teatro, rivolto ad un pubblico di bambini (6 – 11 anni) e famiglie in cui attraverso la metafora del colore si affrontano i temi della crescita, della costruzione della propria identità e soprattutto della necessità di preservare uno spazio intimo in cui accettarsi semplicemente per quello che si è, al di là degli stereotipi.
Invece alle bambine si continuano a proporre giochi, scarpette, borsette, immancabilmente rosa (e di una sola zuccherosa tonalità), mentre per i maschi il rosa è un colore da evitare, da temere, da negare. Ma chi l’ha detto che il rosa è “da femmine” e il celeste “da maschi” ? Il cielo è maschio o femmina? l’acqua è maschio o femmina? e le montagne? il temporale, le stelle, gli alberi?
Il rosa, oltre ad essere stato storicamente anche un colore maschile, è un colore ricco di sfumature difficili da imitare o da riprodurre: perché ogni rosa è unico e ognuno può essere rosa a modo suo. Attraverso una scrittura coreografica globale (danza, gesto, voce) lo spettacolo Il colore rosa, nato anche grazie a percorsi laboratoriali sulla questione di genere, parla in modo ironico, evocativo e affettuoso del cammino difficile per riconoscersi nella propria diversità, nella possibilità di cambiare e trasformarsi.

“[…] una scrittura alta, ricchissima di riferimenti letterari ma soprattutto sociologici […] mentre la messa in scena si dipana in una macchina teatrale che mescola bene le sue carte […]”.
Renzia D’Inca – Rumor(s)cena – 5/5/2016


Teatro Litta
domenica 3 dicembre – ore 17:45
Durata: 50 minuti
Biglietti:  Adulti 10€ – Bambini 7€

Gli spettacoli all’interno della stesso pomeriggio sono consecutivi

Date

(Domenica) 16:30 - 16:30

Dove

Teatro Litta

corso Magenta 24

Biglietti

Acquista qui

Produzione

No Comments

Post A Comment

X