dal 5 al 17 giugno
Compagnia Corrado d’Elia

IO, MOBY DICK

liberamente ispirato a “Moby Dick” di Herman Melville – progetto e regia Corrado d’Elia – con Corrado d’Elia – assistente alla regia Federica D’Angelo – ideazione scenica e grafica Chiara Salvucci – luci Marco Meola – audio Gabriele Copes – foto di scena Angelo Redaelli –
collaborazione alle ricerche bibliografiche Alessandro Sgamma – produzione Compagnia  Corrado d’Elia

Prima nazionale

«Moby Dick non ti cerca. Sei tu che da insensato cerchi lei!»
[Moby Dick, Cap. 135]
La storia la conosciamo: Il Capitano Achab, al comando della baleniera Pequod è alla ricerca di Moby Dick, la terribile, mostruosa balena bianca che anni prima, durante una battuta di caccia, gli ha amputato una gamba, distrutto la nave, mandato a picco il carico e ucciso molti uomini. Achab, accecato dalla sete di vendetta e contro ogni ragione, conduce la nave per mari pericolosi, alla ricerca ossessiva della balena, la quale, nonostante venga più volte ramponata, riesce sempre misteriosamente, quasi diabolicamente, a salvarsi. Intrisa com’è di rimandi allegorici, è questa una strepitosa storia di mare, forse tra le più avvincenti, una storia a ben dire epica. Moby Dick è ancora oggi il simbolo riconosciuto del desiderio dell’uomo di conoscere, o meglio, della piccolezza dell’uomo davanti al suo comune desiderio. A metà tra Ulisse e Caronte, Achab diventa così una figura archetipica, fermo lì ad interpretare la lotta impari dell’uomo contro la natura, la sfida della ragione contro gli orrori dell’abisso e la battaglia spirituale dell’uomo con se stesso, sempre alla ricerca – oggi più che mai – di un senso disperato per la propria vita. Quell’indagine, quel desiderio, quella ricerca di assoluto, quel miraggio di verità e di grandezza che l’uomo insegue da sempre e che non potrà mai afferrare a pieno. Tutti noi, quotidianamente, cerchiamo Moby Dick. Alcuni non lo sanno, altri pensano di averla trovata, pochi sono riusciti a guardarla diritto negli occhi. In tanti sono morti senza mai averla veduta. Ma Moby Dick è innanzitutto una grande storia di teatro.

REPLICA STRAORDINARIA SABATO 17 GIUGNO ORE 18

Teatro Litta
da lunedì a sabato ore 20:30 – domenica riposo
Durata: 1 ora e 30 minuti
Biglietti: Intero 24€ – Under35 16€ – Over65 e Under18 12€
Abbonamento: 10 Identità, 5 Identità, UNIdentità, IDono
Spettacolo inserito in Invito a Teatro tagliando Compagnia Corrado d’Elia

  • X